Evasione dalla finzione

Io la conoscevo bene è un film drammatico del 1965 diretto da Antonio Pietrangeli e che vede Stefania Sandrelli nel suo primo ruolo di attrice protagonista.

Adriana è una ragazza giovane e bella che si è appena trasferita a Roma da un piccolo paese nella provincia di Pistoia. Vede la capitale e tutte le persone che incontra lì come una grande opportunità per apparire nel mondo del cinema. Poco alla volta, però, capirà che niente a Roma è reale e che tutto ruota intorno alla finzione e all’apparenza. Cercherà di adeguarsi a quello stile di vita, di mantenere la sua facciata di ragazza ingenua e un po’ frivola, nonostante i continui ostacoli che si troverà di fronte, come l’aborto e l’umiliazione di un’intervista in cui viene presa in giro da un importante personaggio del cinema.

Tra i suoi molti amanti è solo uno a dirle la verità su di lei. La scena in cui la ragazza è a letto con lo scrittore è una delle poche in cui veramente ci si distacca da quel vortice di finzione, fatto di manager falliti e uomini spudorati.

Adriana è nuda, avvolta nel lenzuolo bianco. Ride quando si sente dire dallo scrittore che lui non ascolta la radio perché le canzonette gli “danno ai nervi”. E si stupisce quando le dichiara che chi scrive così tanto come lui in realtà lo fa perché non ha niente da dire. La ragazza non è abituata ad ascoltare parole sincere e a vedere negli altri emozioni reali, come il disprezzo o l’insicurezza. Ma lo scrittore è sincero e questo scombussola un po’ il mondo di Adriana, a cui nessuno prima aveva mai detto che oltre a «prendere il sole, ascoltare i dischi e ballare […] per il resto è volubile e incostante, ha sempre bisogno di incontri nuovi e brevi, non importa con chi, con se stessa mai».

Le sue parole sono forti, sicuramente difficili da ascoltare per Adriana, e sono quelle parole che le faranno capire che nessun altro intorno a lei dice la verità.

A Roma si vive in una bolla e Cinecittà è l’élite che la dirige, a cui tutti aspirano; è una società gerarchica, dove dominano i registi e gli attori di successo, mentre tutti gli altri applaudono e ridono forzatamente con consenso a ogni battuta e a ogni dichiarazione, per poi chiedere disperatamente una parte nel loro prossimo film.

Quest’opera di Pietrangeli descrive perfettamente le dinamiche nell’ambiente del cinema, un ambiente surreale in cui Adriana è all’ultimo scalino della gerarchia e la sua unica possibilità è seguire la massa, imitare i sorrisi, far vedere le gambe e accettare drink con personaggi rinomati e potenti.

Adriana è davvero una ragazza come tante altre, come dice lo scrittore, affascinata dal mondo luccicante di paillettes e champagne, di luci e proiettori. Attratta da una nuova vita nel cinema, che le farebbe dimenticare tutto ciò che è stata prima, Adriana si rende conto di non essere disposta a rinunciare a se stessa. Si ritrova a dover scegliere di nuovo di evadere, questa volta non dalla realtà, ma da un mondo di finzione, in cui tutti sono attori di se stessi.

Elena Marras

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *