Letteratura

giulia

Vecchi generali sentimentali a Los Angeles

Adelphi riporta nelle librerie Il grande sonno, capolavoro del 1939 di Raymond Chandler. Il pratico e idealista Philip Marlowe si butta nelle strade di Los Angeles per lenire le ossessioni…
Schermata 2020-10-31 alle 18.38.51

Cosimo e Biagio: due fratelli e due prospettive

Il barone rampante di Italo Calvino è un romanzo pubblicato nel 1957. Secondo romanzo della trilogia I nostri antenati, racconta delle stravaganti vicende di Cosimo Piovasco di Rondò e del…
Manuela Spinelli – settembre 2020

Mr. Y di Scarlett Thomas: due posti, una mente

Che fine ha fatto Mr. Y è un romanzo fantascientifico pubblicato nel 2006 dall’autrice Scarlett Thomas, e narra le avventure vissute dalla protagonista che scoprirà un nuovo universo attraverso un…
Elena Sofia Ricci

In lotta con il demone della poesia

Che si chiami musa, duende o in qualsiasi altro modo, è proprio di molti poeti il richiamo ad un’entità esterna, estranea o comunque non pienamente razionale e conscia da cui la loro…
Giordano Coccia

Celle separate

Narciso e Boccadoro, i personaggi che danno il nome al celebre romanzo di Hermann Hesse (1930), condividono parte della loro vita monacale, ma rimanendo sempre nettamente separati. Nell’incessante e, solo…
6

Guido Laremi: una «vita a cercare di andarmene»

Andrea De Carlo (Due di due, 1989) mette a confronto le soluzioni alla contestazione giovanile sessantottina di Mario, ora agricoltore biodinamico, e Guido, ancora fermo a tirar mattina nell’insoddisfatta notte…
4

La notte dell’indovinello

La Turandot è un’opera incompiuta di Giacomo Puccini, diretta per la prima volta alla scala di Milano da Arturo Toscanini nel 1926. Una principessa cinese di nome Turandot, circondata da…
Giordi 1

L’attesa della vita al forte di montagna

Il deserto dei Tartari, uscito nel 1940, è il più celebre romanzo di Dino Buzzati, che con questo libro trasporta il lettore nello spazio onirico dell’inventata fortezza Bastiani, dove si…
Manuela 1

L’incanto di Atlantide: una nuova vita

Il Vaso D’Oro venne pubblicato nel 1814 dall’autore tedesco E. T. A. Hoffmann. La fiaba è ancora oggi simbolo di magia, rinascita e alchimia. Il vaso d’oro ha data coincidente…
Elena Verde

Intrecci di città sognate

È il 1972 quando Le città invisibili di Italo Calvino vede la luce, dopo lunga gestazione. Un libro che sembra crescere e costruirsi con lo stesso movimento caotico e insieme…
Giordi

Nel sonno domenicale della Resistenza

Nel sonno è una poesia di Vittorio Sereni contenuta nella raccolta Gli strumenti umani, pubblicata nel 1965. La raccolta narra di come il poeta vive il proprio personale dopoguerra, dopo…
Elena

Dall’oscura identità all’eterna notte

In La casa di Asterione Jorge Luis Borges conduce il lettore attraverso l’oscura identità del suo protagonista e narratore, dislocando in un percorso gli indizi che ne illumineranno l’identità. Il racconto inizia…
Alice

Dostoevskij e le notti vane

Un giovane Dostoevskij (Le notti bianche, 1848) presenta le vie notturne in cui i vagheggiamenti di uno scrittore solitario trovano la corrispondenza di una fanciulla dal cuore affranto.   Ciò…
Articolo di Giordano Coccia

La locomotiva di Satana a Bologna

Nel settembre 1863, all’età di 28 anni, Giosuè Carducci scrive l’inno A Satana, nel quale si scaglia contro l’oscurantismo religioso a favore del mito positivista del progresso. All’indomani della nascita…
Articolo di Elena Sofia Ricci

Una prigione di segni

Fuggire da una prigione in crescita, nell’accumulo di tentativi falliti e possibilità da scartare: questo l’obiettivo che si prefigge Edmond Dantès nel racconto Il Conte di Montecristo (in Ti con Zero, Einaudi, 1967)…
Articolo di Alice Dusso

Eichmann e la meccanica del male

Nel noto saggio La banalità del male (1964), Hannah Arendt accende la luce sul marchingegno disumano che ha scisso per sempre la decisione etica dalle sue conseguenze. Ingranaggi, nastri e…
Articolo di Manuela Spinelli

La moralità meccanica contro l’ultraviolenza

Fantapolitico e distopico, il romanzo Arancia Meccanica sposa la tematica dell’ultraviolenza nella robotica più intimamente psicologica. L’opera fa la sua comparsa in pubblicazione nell’anno 1962 e deve la sua nascita…
Articolo di Giordano Coccia

Tiresia, l’indovino cieco

La figura di Tiresia, personaggio già di tradizione classica, è giunta sino a noi come emblematica dell’indovino, percorrendo un filo rosso che si snoda da Omero fino ad Andrea Camilleri.…
Articolo di Elena Sofia Ricci – marzo 2020

Il marchio della violenza

È particolare il destino dei Sudamericani nati negli anni Cinquanta: una condanna alla violenza, un segno indelebile e inevitabile sulle loro vite. Così Roberto Bolaño narra in L’Ojo Silva, racconto contenuto…
Un collare per una pelliccia -Luca Torriani

Un collare per una pelliccia

Palocco (1990), racconto lungo o romanzo breve moraviano, è una storia sulla meschinità umano-borghese verso una donna ingenuamente estranea alle dinamiche relazionali con l’altro sesso. Cresciuta in convento, Lola, infermiera…
Articolo De Sade – Luca Torriani

La scuola di libertinaggio

Le 120 giornate di Sodoma è la più celebre opera del Marchese de Sade, libertino francese che verrà più volte arrestato per le sue perversioni. La stesura primaria del romanzo…
01_2020_Manuela Spinelli

La Bella e la Bestia: un amore che trasforma

La prima edizione della celebre fiaba risale al 1740, all’interno della raccolta Le jeune américaine, et les contes marins a cura di Madame Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve. Il racconto dipinge…
01_2020_Giordano Coccia

Sognate metamorfosi

Nel 1951 la quarantacinquenne Lalla Romano apre, con le sue Metamorfosi, la collana Einaudi dei “Gettoni”, discostandosi dalla pittura portata avanti sin dall’adolescenza e abbracciando la parola scritta come nuovo…
01_2020_Elena Sofia Ricci

Un uomo e la sua ossessione

Un libro appeso ad un filo logorato dalle forze naturali. Un professore logorato dalla propria ossessione. Il ready made malheureux (1919) di Duchamp diviene il parallelo simbolico del disfacimento di…
01_2020_Alice Dusso

Al di qua di ogni metamorfosi

Tra i maggiori autori della scena tedesca, Rilke stende quello che viene considerato un breviario non tanto d’arte quanto di vita (Lettere ad un giovane poeta, 1929), raccogliendo le lettere…
Giordano Coccia

La biblioteca perduta

Auto da fé (Die Blendung), è il primo e unico romanzo di Elias Canetti, pubblicato nel 1935. Dopo essere stato osteggiato dal regime nazista, il libro troverà nuova fortuna a…
Manuela Spinelli

Il patto col diavolo: la maledizione terrestre di Faust

Germania, 1808: l’autore Johann Wolfgang von Goethe firma il suo celebre poema drammatico Faust, in cui l’omonimo protagonista rappresenta la dannazione umana che esclude il raggiungimento della pace eterna. Nel…
Alice Dusso

Orfeo ed Euridice: il confine dell’ultimo respiro

Claudio Magris (Lei dunque capirà, 2006) intesse il mito alla soglia di una casa di riposo, tracciando il confine dell’amore di una vita. «Camminavo, correvo, incespicavo in qualche pozzanghera, lo…
Alice Dusso

Fitzgerald e i luminosi anni ’20

Prima del successo de Il Grande Gastby, Fitzgerald con Belli e dannati (1922) svela già luci e tenebre della società tanto splendida quanto contraddittoria del boom economico americano. L’America degli…
Giordano Coccia

Tutto è strepito e luce

La Notte è l’ultima parte del celeberrimo Giorno pariniano, uscita postuma nel 1801. Al suo interno l’autore propone un confronto fra la notte medievale e la notte moderna, contrapponendo i…
Alessandro Crea

Le cinque luci di Mandorla

Mandorla è una bambina di sei anni. La sua storia, un viaggio alla ricerca di un padre e di sé stessa, è raccontata da Chiara Gamberale nel suo sesto romanzo:…
Alice Dusso

Misero silenzio di un suicidio

In L’ultima giornata (1883) Verga dipinge il dramma di una morte in sordina consumatasi ai bordi di una Milano in festa la domenica dell’Ascensione. È l’uomo dal dorso curvo che…
07_2019 Alice Dusso

Gozzano e la franabile “Via del rifugio”

Scoperto il primo focolaio della tisi, Gozzano cerca sulla carta, con l’omonima raccolta (1907), la via del rifugio che lo porterà a ritirarsi nella villa di campagna. Agliè è un…
Giordano Coccia

Icaro in volo verso la realtà di Parigi

L’edizione Einaudi dell’Icaro involato di Raymond Queneau (1968) riporta in copertina una domanda: «Che cosa accade quando il personaggio di un romanzo fugge?». Attorno a questa domanda, infatti, ruotano la…
Alice Dusso

L’inerte attesa di Godot

Affrancati da qualsiasi vincolo, i vagabondi protagonisti di Aspettando Godot (S. Beckett, 1952) si trovano reclusi nella loro stessa indolenza. Un albero, un uomo e la scarpa che non si…
Alessandro Crea

Pietro, burattino con gli occhi chiusi

Come tutti i romanzi di Federigo Tozzi, anche Con gli occhi chiusi è ricco di autobiografismo e nelle sue pagine, nella storia tra Pietro e Ghisola, l’autore senese fa emergere una…
Giordano Coccia

La strada fino al sogno dell’età adulta

Pubblicato a Torino nel 1942, La strada che va in città è l’esordio narrativo di Alessandra Tornimparte, nome dietro il quale, per motivi razziali, si cela Natalia Ginzburg, che con…
Giordano Coccia

Contrabbando e proibizionismo a West Egg

Sulle coste della Long Island dei ruggenti anni Venti si staglia imperiosa la casa di Jay Gatsby, un personaggio tanto solitario quanto misterioso, protagonista del celebre romanzo di Francis Scott…
Vittima degli dèi: il sacrificio di Ifigenia – immagine

Vittima degli dèi: il sacrificio di Ifigenia

L’addio sfumato alla propria esistenza di una giovane donna, il cui solo peccato è quello di essere nata come figlia di un padre superstizioso. È proprio il timore nei confronti degli déi…
«Un moderno Robinson Crusoe»: Arturo e la sua isola – immagine

«Un moderno Robinson Crusoe»: Arturo e la sua isola

«Nonostante la nostra agiatezza, vivevamo come selvaggi: sempre in vacanza. E le mie giornate di vagabondaggio, soprattutto durante le lunghe assenze di mio padre, ignoravano qualsiasi norma e orario. Soltanto…
The Scarlet Letter: rosso come sangue, rosso come passione – letteratura

The Scarlet Letter: rosso come sangue, rosso come passione

Nel 1854 lo scrittore statunitense Nathaniel Hawthorne firma la propria opera più influente, The Scarlet Letter, voce di un puritanesimo intollerante che punisce attraverso l’umiliazione di una singola lettera l’amore…
Letteratura giugno 2018

Bolaño: il trauma incomunicabile

Il racconto Compagni di cella di Bolaño, parte della raccolta Chiamate telefoniche (1997), mostra una situazione di incomunicabilità fra i protagonisti, conseguenza del trauma della prigionia da essi subita durante…
Letteratura maggio 2018

Mr Hyde: il brutto estetico

Nel 1886, Robert Louis Stevenson firma e pubblica la sua opera più celebre: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde (Strange case of Dr. Jekyll and Mr.…