Fitzgerald e i luminosi anni ’20

Prima del successo de Il Grande Gastby, Fitzgerald con Belli e dannati (1922) svela già luci e tenebre della società tanto splendida quanto contraddittoria del boom economico americano.

L’America degli anni ’20 è un notturno luminoso: come astri che gareggiano in splendore, diletti e piaceri si rincorrono nell’attirare a sé le attenzioni dei cittadini piacevolmente travolti dal boom economico. Tra tutte le stelle, regnano sovrane allegria, bellezza e gioventù, fari instabili che dirigono il traffico di impulsi emotivi esaltati dalla ricchezza. Luci che ardono inquiete ed altre che già si consumano nell’effimero.

Anthony e Gloria, ubriachi delle più varie stelle, non trovano nel mondo che li circonda ragioni per frenare la caccia al prossimo piacere. Lui era “un inetto e vagamente un incapace, […] una di quelle personalità che, nonostante un gran parlare, non dicono niente, sembrava aver ereditato solo la lunga tradizione del fallimento umano” [1]. A lei più di tuttomancava una teleologia pedante: un senso di ordine e di precisione, il senso della vita come di un patchwork le cui parti sono misteriosamente correlate” [2]. Ad unirli era “l’attrazione quasi prodigiosa dei loro cuori”, una fame indomita per i piaceri che consumavano fuori e dentro la loro relazione. Sono sordi ai richiami della rigida moralità impersonata dal nonno di lui, il cui proibizionismo agisce da innesco per i loro vizi. Festini con gli amici seguono avventure fuori porta, interrotte da litigi e sfoghi passionali che evadono la noia del fermare la corsa ai divertimenti.

“Le cose belle”, però, “raggiungono un apice e poi tramontano e svaniscono, esalando gli ultimi ricordi mentre decadono” [3]. La bellezza è una supernova: raggiunto il massimo dello splendore, si esaurisce e rivela la sua natura precaria. “Non c’è bellezza senza pathos e non c’è pathos senza la sensazione che tutto se ne va, uomini, libri, case… tutti destinati alla polvere, mortali…” [4]. I luccichii hanno i minuti contati, ma ciò, anziché scoraggiare gli amanti ad affidarsi a questi, li induce a sfruttarli fin quando la loro bellezza si mantiene fresca e la gioventù non sfiorisce. “Era su questi sogni, più che sulla soddisfazione per la loro vita sempre più irregolare e sempre più dissipata, che si basava la loro speranza” [5].

Con il tempo in Gloria era nato qualcosa di cui non aveva finora mai sentito il bisogno: “lo scheletro incompleto eppure inconfondibile, di ciò che abborriva da tempi immemori, una coscienza” [6]. Una luce mai avvertita prima getta sulle altre un’ombra e l’inquietudine toglie la spensieratezza ai giorni dei due amanti. La paura diventa l’unica emozione di cui sono capaci, ora nauseati e stanchi di vivere.

Neppure l’eredità del nonno che infine ottengono vale a colmare i vuoti di desideri mai sazi: la gioventù insieme alla bellezza inizia a sfumare e il divario tra aspettative e realtà si amplia sempre di più. Non resta più nulla per sognare: ora la notte è buia, ogni astro si spegne.

Alice Dusso


[1] F. S. Fitzgerald, Belli e Dannati, ed. originale 1922, ed. italiana Arnoldo Mondadori Editore 1987.
[2] Ibidem.
[3] Ibidem.
[4] Ibidem.
[5] Ibidem.
[6] Ibidem.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *