Letteratura

Fitzgerald e i luminosi anni ’20

Prima del successo de Il Grande Gastby, Fitzgerald con Belli e dannati (1922) svela già luci e tenebre della società tanto splendida quanto contraddittoria del boom economico americano. L’America degli…

Tutto è strepito e luce

La Notte è l’ultima parte del celeberrimo Giorno pariniano, uscita postuma nel 1801. Al suo interno l’autore propone un confronto fra la notte medievale e la notte moderna, contrapponendo i…

Le cinque luci di Mandorla

Mandorla è una bambina di sei anni. La sua storia, un viaggio alla ricerca di un padre e di sé stessa, è raccontata da Chiara Gamberale nel suo sesto romanzo:…

Misero silenzio di un suicidio

In L’ultima giornata (1883) Verga dipinge il dramma di una morte in sordina consumatasi ai bordi di una Milano in festa la domenica dell’Ascensione. È l’uomo dal dorso curvo che…

Icaro in volo verso la realtà di Parigi

L’edizione Einaudi dell’Icaro involato di Raymond Queneau (1968) riporta in copertina una domanda: “Che cosa accade quando il personaggio di un romanzo fugge?”. Attorno a questa domanda, infatti, ruotano la…

L’inerte attesa di Godot

Affrancati da qualsiasi vincolo, i vagabondi protagonisti di Aspettando Godot (S. Beckett, 1952) si trovano reclusi nella loro stessa indolenza. Un albero, un uomo e la scarpa che non si…

Pietro, burattino con gli occhi chiusi

Come tutti i romanzi di Federigo Tozzi, anche Con gli occhi chiusi è ricco di autobiografismo e nelle sue pagine, nella storia tra Pietro e Ghisola, l’autore senese fa emergere una…