Città di specchi – rubrica di critica letteraria

Una figlia, due padri, una famiglia normale: Sei come sei.

In Sei come sei (Einaudi, 2013) Melania Mazzucco racconta la storia di Eva, una bambina di undici anni che, nonostante la giovane età, ha conosciuto il dolore. La bimba decide di prendere un treno e darsi alla fuga: intraprenderà un viaggio nei suoi ricordi, ma anche nel suo presente che,…

Al di là delle mura, una città: Giorgio Bassani e Ferrara

Giorgio Bassani ha dedicato il suo impegno letterario alla composizione di un grande ciclo dal titolo Il romanzo di Ferrara: non la Ferrara degli Estensi e dei Cardinali Legati, ma quella che fu teatro del fascismo e dell’immediato post-fascismo. Da Micòl a Lida Mantovani, dal dottor Fadigati a Clelia Trotti, la…

Moravia e la “commedia mancata di chi non sa fingere”

Non fallisce il tempismo di un Moravia poco più che diciottenne al suo romanzo d’esordio (Gli Indifferenti, ed. Alpes), quando all’alba dell’ascesa politica del Partito Fascista, anno 1929, inchioda nero su bianco quella borghesia che aveva chiuso gli occhi, nell’atarassia morale più totale, persino ai brogli politici in atto. «Essendo…

«Valentino» di Natalia Ginzburg e l’omosessualità nei libri tra ieri e oggi

Le persone, i luoghi e i fatti che si trovano in questi racconti, sono immaginari. Ogni riferimento alla realtà è puramente casuale. È questa l’indicazione che Natalia Ginzburg decide di porre all’inizio del suo romanzo breve. Valentino, appunto, romanzo breve, viene pubblicato nel ’51 da Einaudi, casa editrice torinese alla quale…